ciba                                                                                                                                                    

 

Centro di Referenza Nazionale per le Indagini Biologiche sugli Anabolizzanti Animali (CIBA)

 

 

 

Il Centro di Referenza Nazionale per le Indagini Biologiche sugli Anabolizzanti Animali (C.I.B.A.), istituito con Decreto del Ministero della salute del 18 gennaio 2013, nasce dall’esigenza di disporre di un punto di riferimento nazionale sia a livello tecnico-applicativo che di ricerca, per i metodi alternativi ai controlli chimici, utili ad aumentare l’efficacia dei controlli. Nell’ambito della sicurezza alimentare, il controllo e la valutazione dei rischi, relativamente all’utilizzo illecito di sostanze farmacologicamente attive a scopo anabolizzante, quali cortisonici, tireostatici e β agonisti, risulta di  fondamentale importanza per la tutela della salute pubblica e rappresenta un’opportunità per perseguire la scelta della lotta agli illeciti al fine di tutelare i consumatori e le produzioni italiane di eccellenza.

 

Il CIBA opera nella S.C. istopatologia e Test rapidi e collabora con la S.S. Biostatistica Epidemiologia e Analisi del Rischio, con il Centro anti Doping di Orbassano, con il Dipartimento Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino, con il Rikilt Institute for Food safety di Wageningen e con il Laberca Institute di Nantes.

 

In ottemperanza alle richieste del Piano Nazionale Residui e al fine di attivare nuovi percorsi diagnostici, alternativi e coesistenti con quelli chimici,  il CIBA si propone come punto di riferimento per i metodi di screening istologici da espletarsi su bovini regolarmente macellati. Dal 2008 coordina il PNR basato sul metodo istologico presso la rete degli II.ZZ.SS.

 

Svolge una costante opera di formazione dei Laboratori di istopatologia degli II.ZZ.SS., abilitandoli all’applicazione delle nuove metodiche e fornendo l’aggiornamento relativo alle nuove esigenze sperimentali. Vengono organizzati annualmente i ring test per la verifica delle prestazioni dei laboratori, con ottimi risultati di concordanza del giudizio diagnostico, a garanzia dell’affidabilità del sistema. Contestualmente vengono annualmente proposti i piani di sorveglianza nazionali da declinare a livello regionale di concerto con il Ministero della Salute.

 

E’ stato creato un database per la raccolta degli esiti delle indagini istologiche, che viene semestralmente aggiornato e reso disponibile per il Ministero della Salute. I dati vengono elaborati per determinare la prevalenza dei trattamenti e la relazione con i risultati dei piani ufficiali.

 

Sono inoltre oggetto di studio e implementazione metodologie biologiche alternative ai metodi chimici (proteomica, bioassays) e metodiche innovative basati su nanotecnologie e microarray.


L’Istituto ha infine creato una banca di tessuti derivanti da sperimentazioni animali con le molecole di trattamento, quale materiale di riferimento per la messa a punto di nuove metodiche analitiche e la determinazione dei livelli fisiologici e non delle sostanze.

Dr.ssa Elena Bozzetta

                     Bozzetta

tel +39 0112686361

fax +39 0112686362

skype ciba.izsto

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

istologico1

istologico1

istologico1

 

 

            

 

 Ultimo aggiornamento:

 aprile 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pin It

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa