MALATTIE TRASMESSE DA ALIMENTI (MTA): PROCEDURE PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO

Torino, 15 dicembre 2017

L’evento è rivolto agli operatori del Sistema Sanitario Nazionale della regione Piemonte coinvolti nella gestione degli episodi delle malattie a trasmissione alimentare. Il corso avrà un approccio multidisciplinare e prevederà sia delle lezioni teoriche ex cathedra sia l'attività pratica da svolgere in piccoli gruppi per la simulazione di episodi di malattia alimentare e la corretta gestione di tutti gli aspetti ad esso correlati. L'obiettivo principale del corso è quello di approfondire le procedure da mettere in atto e la verifica del funzionamento e/o delle criticità nell'applicazione delle stesse.

L'esercitazione pratica in gruppi permetterà la cooperazione, la condivisione dei processi logici e il confronto tra i partecipanti.

Brochure

In considerazione del numero di posti limitato la partecipazione dovrà essere autorizzata dal Responsabile del Servizio di appartenenza previo accordo con il Settore Regionale Prevenzione e Veterinaria.

Ad avvenuta conferma il partecipante potrà procedere all'invio della scheda di iscrizione alla Segreteria Organizzativa. 

Atti del convegno:

bonetta / pierozzi / scavia / zaccaria / caputo

 

ARRIVI E PARTENZE ALLO ZOO: INCONTRO SULL'APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 92/65/CEE

Torino, 24 novembre 2017

La realtà dei giardini zoologici è stata a lungo considerata marginalmente dal punto di vista della salute umana e animale, in quanto ritenuta un fenomeno confinato e di entità minore. Tuttavia, gli zoo svolgono un ruolo importante nella sorveglianza delle malattie, poiché contengono centinaia di specie, con differente suscettibilità ai patogeni, che possono interagire tra di loro, con animali selvatici, con insetti vettori e con esseri umani.

La Direttiva 92/65/EEC, che stabilisce norme sanitarie per gli scambi e le importazioni nella Comunità Europea di animali non soggetti a normative comunitarie specifiche, vede interessati anche i giardini zoologici, i quali possono fare richiesta di riconoscimento da parte del Ministero della Salute, attraverso i veterinari ASL. Tale riconoscimento permette, tra gli zoo comunitari, una movimentazione degli animali più agevole, in quanto presuppone che siano mantenute garanzie sullo status sanitario. La complessità dell’applicazione della Direttiva sia a livello locale sia a livello internazionale ha fatto emergere la necessità di un incontro tra i rappresentanti degli Stati Membri, avvenuto a novembre 2016, in cui sono state condivise le diverse realtà nazionali e sono state discusse le criticità. Si ritiene quindi utile riproporre un simile evento a livello nazionale, riunendo nella stessa sede tutti i portatori d’interesse, per conoscere le diverse realtà, esporre le problematiche relative ad ognuno e armonizzare gli approcci. Il workshop intende coinvolgere le autorità sanitarie centrali e locali e i giardini zoologici riconosciuti, con i veterinari di riferimento.

L’evento è destinato ai giardini zoologici italiani riconosciuti ai sensi della Direttiva 92/65/CEE e alle Autorità di controllo in materia di vigilanza veterinaria permanente, impegnate nel processo di approvazione e di conferma del riconoscimento.

I partecipanti ammessi riceveranno conferma dalla segreteria organizzativa tramite posta elettronica.

Brochure

Atti del convegno:

biolatti / kaandorp / zaccherini / zacchia

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa