S.S. Contaminanti ambientali

   P1010902  Responsabile:  

     Maria Cesarina Abete 
     Tel. 011 2686239
     
     Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
     C.V.

                                       

     Biologo Dirigente : 

      Stefania Squadrone 
      Tel. 011 2686415

      
      Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     C.V.

                            

Il laboratorio Contaminanti Ambientali è un presidio analitico dell'IZSTO che si occupa di determinare la presenza di metalli tossici (cadmio, piombo, mercurio) ed oligoelementi (rame, zinco, ferro, selenio etc.,) nell’ambito dei piani ufficiali di controllo degli alimenti  (PNAA, PNR, UVAC, piani di controllo regionali).

Il Laboratorio si occupa anche di studi per la messa a punto di metodiche analitiche atte ad evidenziare eventuali contaminanti, organici ed inorganici, in prodotti di origine animale e vegetale. Dal 2013 il Laboratorio effettua la ricerca del metilmercurio in prodotti ittici applicando il metodo JRC 80259 EN. Il mercurio è un metallo rilasciato nell’ambiente sia da fonti naturali sia in conseguenza dell’attività antropica. Può essere presente come mercurio inorganico  (Hg22+ e Hg2+) e mercurio organico. Il metilmercurio (MeHg) è di gran lunga la forma di mercurio organico più comune nella catena alimentare ed è la forma prevalente nel pesce e nei frutti di mare. Nonostante non sia stato ancora fissato un limite di legge per il MeHg, è importante quantificarlo a causa della sua tossicità per il sistema nervoso in fase di sviluppo (EFSA).

Attualmente è inoltre in corso lo sviluppo del metodo per la speciazione dell’arsenico, in ottemperanza con il regolamento UE 1006 del 2015 che ha fissato i tenori massimi di arsenico inorganico (somma di As III e As V) nei prodotti alimentari. L'arsenico è un contaminante largamente presente in natura o come risultato di attività umana. Appare in molte forme, organiche ed inorganiche. Sono gli alimenti, in particolare i prodotti trasformati a base di cereali (come il pane di farina di grano e il riso), il latte e i latticini, nonché l’acqua potabile le principali fonti di esposizione per la popolazione europea in genere. L'assunzione a lungo termine di arsenico inorganico è stata associata a malattie cardiovascolari e alcune forme di cancro (EFSA).

Il laboratorio è Sede del Laboratorio Nazionale di Riferimento per i metalli pesanti nei mangimi e del Laboratorio Nazionale di Riferimento per gli additivi nei mangimi.

Laboratorio Nazionale di Riferimento per i metalli pesanti nei mangimi

Dal Novembre del 2006, il CReAA è Laboratorio Nazionale di Riferimento per metalli pesanti nei mangimi. In qualità di NRL, collabora attivamente con il Laboratorio Europeo di Riferimento (EURL-HM) per i metalli pesanti nei mangimi e negli alimenti, (EURL heavy metal in feed and food, JRC-IRMM, Geel, Belgium). Il workshop organizzato dall’EURL, che è un’importante occasione di confronto e aggiornamento sulla tematica dei metalli pesanti, si tiene ogni anno a Geel ed è aperto a tutti gli NRL europei.

Il NRL partecipa ai Proficiency tests organizzati dall’EURL e a Proficiency tests organizzati da altri circuiti riconosciuti (FAPAS UK and Central Agricoltural Office Food  and Feed safety Directorare Hungary).

Tra le attività dell’NRL vi è l’organizzazione di test comparativi tra i laboratori nazionali ufficiali e l’assistenza tecnico-scientifica all’autorità competente per l’attuazione di piani di controllo coordinati. Inoltre si occupa di organizzare, come momento di confronto ed aggiornamento dei laboratori che operano sul territorio nazionale, un workshop annuale destinato ai referenti dei laboratori ufficiali della rete degli IIZZSS, ISS e ICQRF. Il workshop 2015 si terrà a Roma il 19 e 20 novembre, in collaborazione con il NRL metalli pesanti negli alimenti (ISS) ed è l’occasione per affrontare le problematiche inerenti la determinazione dei metalli negli alimenti alla luce delle esperienze dei diversi laboratori.

Attualmente è inoltre in corso lo sviluppo del metodo per la speciazione dell’arsenico, in ottemperanza con il regolamento UE 1006 del 2015 che ha fissato i tenori massimi di arsenico inorganico (somma di As III e As V) nei prodotti alimentari.

Laboratorio Nazionale di Riferimento per gli additivi impiegati nell’alimentazione animale

Dal Marzo del 2005, il CReAA è Laboratorio Nazionale di Riferimento per additivi nei mangimi (additivi nutrizionali: oligoelementi e
additivi zootecnici
) in condivisione con il NRL additivi (coccidiostatici, vitamine e addensanti) dell’ISS, e collabora attivamente con il Laboratorio Europeo di Riferimento (EURL-FA) per gli additivi nei mangimi e negli alimenti, (EURL Feed Additives, JRC-IRMM, Geel, Belgium). Il workshop organizzato dal EURL, che è un importante occasione di confronto e aggiornamento sulla tematica dei metalli pesanti, si tiene ogni anno a Geel ed è aperto a tutti gli NRL europei.

Gli additivi hanno un ruolo molto importante nell’alimentazione animale che riguardano sia la sicurezza del mangime che aspetti più ambientali di riduzione delle emissioni e sostenibilità degli allevamenti. Prima di commercializzare un additivo, è necessaria un autorizzazione da parte dell’EURL, come da regolamento UE 1831/2003. La procedura di autorizzazione prevede la valutazione scientifica dei dati forniti dal richiedente, tramite un dossier che comprende la condizioni di utilizzo e le tecniche analitiche previste per l’analisi/identificazione. L’EURL in questa attività è supportato dalla rete degli NRLs europei. Il compito di questo NRL è dunque di valutare i dossiers per conto dell’EURL, sia come redattori che come valutatori; l’autorizzazione finale presuppone che l’additivo sia efficace e non abbia effetti dannosi per l’uomo, l’animale o l’ambiente.

Nel corso del 2015 sono stati redatti da questo NRL 4 dossier e sono stati valutati 40 dossier provenienti da altri NRLs europei.

 

 

Tarasco Renata Perito chimico cat. Ds  011-2686239 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Riva Anna Tecnico di lab. cat.D    011-2686239 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gavinelli Stefania Perito chimico cat. D 011-2686239 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Stella Caterina Perito chimico cat. C 011-2686239 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Podda Marcella Perito chimico cat. D 011-2686237 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Nespoli Riccardo Perito chimico cat. D 011-2686239 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Brizio Paola Borsista chimico  011-2686228 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benedetto Alessandro Borsista biotecnologo 011-2686228 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mastropietro Luigi Operatore tecnico cat. B 011-2686239 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pin It

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa