GEEFSM 2019 - Gruppo di studio degli eco-patologi della fauna selvatica di montagna

 

Il 37° incontro scientifico del GEEFSM (Gruppo di studio degli eco-patologi della fauna selvatica di montagna) si svolge quest’anno dal 13 al 16 giugno 2019 in Valle d‘Aosta a Etroubles, rinomato Comune della Valle del Gran San Bernardo.

Il GEEFSM è una celebre Società Scientifica Europea, fondata in Francia, che raggruppa almeno 5 Paesi europei nel suo Consiglio generale e ne annovera altri appartenenti ad almeno 3 Paesi di altri Stati, in origine non fondatori, dopo la Francia.

Il Comitato scientifico di questo evento è rappresentato in primis dal Prof. Luca Rossi, professore ordinario della Università di Torino, mentre il Comitato organizzatore e di accoglienza è rappresentato dal dott. Riccardo Orusa, direttore scientifico del CERMAS (Centro di Referenza Nazionale per le malattie degli animali selvatici), appartenente alla S.C. Valle d’Aosta dell’IZS del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

Le occasioni di incontro tecnico annuali organizzate dal GEEFSM hanno due direttrici fondamentali: la prima è quella di creare e mantenere opportunità di condivisione scientifica, la seconda è quella di ricercare momenti di aggregazione umana e sociale tra colleghi di diverse estrazioni tecnico scientifiche, tesi al dialogo costante e alla stabilizzazione di professionalità e caratteri diversi.

Nel corso degli anni, queste due direttrici hanno permesso di costruire e cementare rapporti di amicizia profonda, etica professionale rigorosa, comunanza e fratellanza interprofessionale tra discipline diverse, rispetto e reciprocità tra amici.

Queste condizioni ideali hanno pertanto permesso di creare quest’anno i presupposti per concentrarsi, in due mezze giornate separate, su due specie protette particolarmente importanti e “sul pezzo”: il lupo e lo stambecco. Il primo occupa da tempo molti spazi sugli organi di informazione in Italia; il secondo suscita grande interesse e attenzione da parte dei mass media in paesi come Francia e Svizzera.

Grande rilevanza ha per il GEEFSM il futuro e dunque il guardare ai giovani, che hanno, all’interno della Società scientifica, una grande forza trainante nel “Concorso” del sabato mattina: un sano cimento tecnico scientifico, ove, durante un piccolo ma consistente confronto con i propri Team Leader, presentano un lavoro inedito che viene valutato da una Commissione ad hoc, ogni anno opportunamente costituita. La Commissione infatti esamina diversi fattori, dalla originalità del lavoro presentato allo stile e all’abilità verbale e tecnica con il quale il lavoro viene esposto e presentato.

Tutto questo è utile per valorizzare al meglio i giovani, a volte ”contaminati” dalla solidità tecnica dei meno giovani, rivolgendosi verso un futuro anche tecnologico ed ecologico.

La Valle d’Aosta quest’anno ha dunque l’opportunità, unica e a costo ridottissimo per la collettività, di ospitare questo consesso molto importante, anche per il mantenimento dello sviluppo sostenibile e la ricerca concreta di un mondo migliore, per una natura più eco-sostenibile e più protetta da parte di esseri umani più consapevoli e rispettosi della stessa

 

Attachments:
Download this file (GEEFSM_2019.pdf)Programma[ ]417 kB20 Downloads

Convegno Chirurgia Insieme


 

A Genova nei giorni 27-28 Giugno nell'ambito del Convegno Chirurgia Insieme, il Centro di Referenza Nazionale per l’Oncologia Veterinaria e Comparata ha organizzato per il giorno 27 la sessione dedicata "Oncologia Comparata:  Diagnosi e terapia a confronto"

Iscrizione al convegno

 

Obiettivo della giornata sarà il confronto tra coloro che operano nel settore dell'oncologia veterinaria ed umana, afferenti alla rete degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS), Ospedali ed Università. Tale evento sarà, da una parte, un'occasione per valutare, attraverso un dibattito aperto, il lavoro ed i risultati ottenuti nell'ambito delle attività svolte dai diversi gruppi e dall'altra, un'opportunità per promuovere lo scambio di informazioni relative alla casistica disponibile. 

L'evento è in corso di accreditamento ECM.

 

Attachments:
Download this file (chirurgia insieme_a4-piccolo.pdf)PROGRAMMA 27 GIUGNO 2019[ ]335 kB37 Downloads
Download this file (programma_preliminare_0706.pdf)Programma provvisorio[ ]790 kB90 Downloads

DALLA GRANDE DISTRIBUZIONE ALLA CONSERVAZIONE CASALINGA: COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

Banco alimentare

 

Nel trentesimo anniversario della fondazione del Banco Alimentare, e a tre anni dall’avvio della collaborazione tra Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e Banco Alimentare del Piemonte, il convegno “DALLA GRANDE DISTRIBUZIONE ALLA CONSERVAZIONE CASALINGA: COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI” intende fare il punto sulle strategie per la riduzione degli sprechi alimentari, dalla corretta conservazione domestica ai circuiti di redistribuzione.

L’appuntamento è fissato per giovedì 6 giugno 2019 dalle 9 alle 16.30 presso la sede del Banco Alimentare del Piemonte in corso Roma 24 ter a Moncalieri (Torino).

Per l’occasione si alterneranno, in qualità di relatori del convegno, nomi importanti provenienti dal mondo della ricerca nel campo della sicurezza e della sostenibilità, nonché operatori delle maggiori organizzazioni caritative. Il programma dettagliato può essere consultato qui

Da due anni l’IZSPLV ha detto basta allo smaltimento come rifiuti di alimenti controllati e risultati idonei al consumo umano. Grazie all’accordo con il Banco Alimentare, nel 2018 oltre 1.600 kg di alimenti sono stati destinati ai pasti di beneficenza (vedi tabella a seguire).

CATEGORIA ALIMENTI % donazioni
Bibite e bevande 27
Olio 16
Alimenti in scatola 15
Prodotti da forno 13
Prodotti refrigerati 9
Alimenti prima infanzia 7
Integratori alimentari 5
Prodotti congelati 3
Cacao, cioccolato, miele zucchero, caffè 3

L’Istituto è stato anche l’organizzatore del corso itinerante per i volontari delle Associazioni afferenti al Banco Alimentare del Piemonte che si è svolta nelle città di Moncalieri, Biella, Asti, Vercelli, Alessandria, Fossano e Novara. Le lezioni, a cui hanno partecipato oltre 500 persone, hanno fatto il punto sui criteri di igiene e di sicurezza, sui concetti base di microbiologia e sulle strategie di riduzione dei rischi nel contesto della redistribuzione e somministrazione di pasti. Prima e dopo il corso, i partecipanti hanno compilato un questionario ed è emerso che circa l’80% dei partecipanti ha migliorato le proprie conoscenze sui temi trattati.

L'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, con sede in via Bologna 148 Torino, è un ente sanitario di diritto pubblico che, dal 1913, anno della sua fondazione, svolge attività di prevenzione e ricerca negli ambiti della salute animale e della sicurezza alimentare. I compiti principali sono quelli di effettuare controlli su alimenti e mangimi, salvaguardare la salute degli animali e promuovere il loro benessere, realizzare piani di sorveglianza epidemiologica, controllo ed eradicazione per prevenire la diffusione di malattie. A questi obiettivi si aggiunge poi l’attività di ricerca, formazione e comunicazione sugli argomenti di competenza. All’interno dell’Istituto trovano impiego oltre 400 dipendenti tra veterinari, chimici, biologi, statistici, tecnici di laboratorio, tecnici di supporto informatico e personale amministrativo.

Dalla sede principale di Torino, l'Istituto si avvale di una rete di dieci sedi distaccate provinciali che gestiscono i rapporti con le realtà territoriali. L’Istituto ospita, al suo interno, un Centro di Referenza Internazionale, sei Centri di Referenza Nazionali, sei Laboratori Nazionali di Riferimento e quattro centri regionali, vere e proprie eccellenze che fungono da riferimento a livello regionale, nazionale e comunitario per il loro settore di competenza, fornendo servizi e conoscenze specialistiche alle strutture sanitarie sul territorio e agli operatori sul campo. Sono attive inoltre collaborazioni con i principali organismi nazionali e internazionali che si occupano di sanità animale e sicurezza alimentare.

Sanità e benessere animale, Assemblea Generale dell'OIE

oie 2019

 

Si è chiusa a Parigi l’87^ Sessione dell’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) che ha trattato temi relativi alla sanità e al benessere animale, soffermandosi in particolare sulla sicurezza degli scambi commerciali.
In rappresentanza dell’Italia ha partecipato il Delegato italiano presso l’OIE, Silvio Borrello, Capo dei servizi veterinari e Direttore generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del ministero della Salute.

Il Ministro, Giulia Grillo, ha inviato un video di saluto all’assemblea in cui ha ricordato con orgoglio il ruolo dell’Italia, in seno all’OIE, fondatore e convinta sostenitrice sin dalle origini. Nel suo intervento, apprezzato dall’Assemblea, il ministro ha ribadito l’impegno del nostro Paese a combattere, al fianco dell’Organizzazione, le grandi malattie del bestiame attraverso il contributo tecnico-scientifico degli Istituti Zooprofilattici e dei Centri di collaborazione e Laboratori di riferimento OIE. Di particolare rilievo la riflessione sul tema centrale della rimozione degli ostacoli alle esportazioni di prodotti di origine animale e il plauso all’iniziativa di istituire un Osservatorio OIE per il rispetto degli standard sanitari, nel commercio internazionale, da parte dei Paesi aderenti.

Il Ministro ha ricordato, inoltre, che il prossimo anno, nel mese di novembre, l’Italia avrà l’onore di ospitare, presso la città di Catania, la Conferenza della Commissione dell’OIE a cui parteciperanno 53 Paesi della Regione Europa.

L’Assemblea dei delegati OIE ha approvato tre importanti risoluzioni riguardanti l’Italia:

  1. ringraziamento particolare per il sostegno economico diretto all’OIE e per il contributo degli istituti Zooprofilattici Sperimentali
  2. ha riconosciuto l’Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana come Centro  di referenza OIE per l’anemia infettiva equina
  3. ha individuato due nuovi centri di collaborazione:
    • uno sul benessere animale, nato dal consorzio tra il centro di collaborazione per la formazione, l’epidemiologia, la sicurezza alimentare e il benessere animale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise e il centro svedese per il benessere animale (SCAW)
    • uno per la salute dei mammiferi marini nata dal consorzio tra il Centro già attivo presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentali del Piemonte, della Liguria e della Valle d’Aosta e l’Università spagnola di Las Palmas Gran Canaria

Risultati importanti che rispecchiano il prezioso lavoro di coordinamento che il ministero della Salute opera in relazione agli Istituti zooprofilattici sperimentali e l’eccellenza della ricerca scientifica in capo agli istituti stessi.

La sessione generale ha fatto, come di consueto, da cornice ad incontri bilaterali tecnici tra i Capi dei servizi veterinari sui temi dell’export e della cooperazione scientifica. Il Capo dei servizi veterinari Italiani, Borrello ha incontrato, tra gli altri il CVO della federazione Russa e del Giappone, oltre che i Direttori del Ministero dell’Agricoltura e dell’Agenzia delle dogane cinesi (GACC). Di rilevanza strategica per lo sviluppo di nuovi progetti scientifici e di cooperazione, l’incontro tra il Direttore Borrello, i direttori degli IIZZSS e la Direttrice generale dell’OIE, Monique Eloit.

Leggi la news completa Qui

Food e Sostenibilità

food Genova

 

L’Istituto è stato protagonista, sabato 25 maggio, a Genova, al dibattito su “Food e Sostenibilità”. Il talk è stato organizzato nell’ambito di Food & Green Village, evento dedicato alla promozione delle buone pratiche in ambito alimentare organizzato da In Liguria, agenzia di promozione turistica delle Regione.

Angelo Ferrari, direttore dell’Istituto zooprofilattico Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, ha illustrato le attività innovative nella ricerca di alternative agli antibiotici di sintesi, indagando le proprietà dell’estratto di basilico, potente antibatterico. Inoltre, Ferrari ha spiegato come l’Istituto stia lavorando per la tracciatura genetica della razza Cabannina, bovino autoctono dell’appennino ligure oltre che per l’acquacoltura. Ferrari ha anche ricordato che i porti liguri sono la porta di ingresso della maggior parte delle merci alimentari importate extra Ue, quindi i controlli svolti dall’Istituti sugli alimenti che arrivano in Liguria sono fondamentali per la sicurezza alimentare nel nostro Paese.

La moderazione è stata affidata a Massimiliano Borgia, direttore del Festival del giornalismo alimentare, mentre sono intervenuti Umberto Curti, autore, docente, consulente del Consorzio di tutela dell’olio extravergine Dop Riviera Ligure, Eugenio Borio, della Cooperativa mitilicoltori spezzini, Livia Pisciotta, docente di Scienze tecniche dietetiche applicate all’Università di Genova e Angelo Berlangieri, presidente degli albergatori del Savonese.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa