Nuove frontiere nella lotta contro i trattamenti illeciti con glicorticoidi di sintesi

Il timo rappresenta un organo bersaglio del trattamento illecito con glicocorticoidi, evidenziando in caso di trattamento un' atrofia con infiltrazione adiposa.
Lo studio e' stato condotto su 108 campioni di timo di vitelloni di razza Charolais ( n. 50 età 10-21 mesi) e vitelli di razza Frisona (n.50 eta' 7 mesi) in modo da valutare anche la naturale involuzione del tessuto dovuto alla crescita e maturazione dell' animale.
Gli animali sono stati suddivisi in gruppi di controllo e gruppi trattati a basse dosi di GC ( desametazone e prednisolone) per os.
All' esame istologico la morfologia e' stata valutata con score da 1 a 3 in base al grado di infiltrazione adiposa. L' immunoistochimica (IHC) e' stata effettuata con metodo semiquantitativo in base al conteggio delle cellule positive nella porzione corticale del timo in 5 campi ad alto ingrandimento.
L' associazione di IHC e del punteggio dell' atrofia del timo permette di identificare gli animali trattati con entrambe le molecole.
Il progetto evidenzia come il test istologico sia in grado di discriminare correttamente tra animali in stato di evoluzione fisiologica del timo e animali nei quali l' atrofia rappresenti invece un marcatore indiretto di trattamenti anabolizzanti.


Responsabile della Ricerca: Marzia Pezzolato

In collaborazione con IZS Venezie, IZS Umbria e Marche Ancoragroup, UBITER, UNITO.

Ricerca finanziata dal Ministero della Salute, Ricerca corrente

Pin It

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa